Blog

Una ricetta per incrementare la brand awareness

Al crescere della notorietà di un marchio, cresce la familiarità con cui viene percepito dai consumatori e quindi la sensazione di affidabilità che in essi suscita.

Online People Icons In Social Network & Media - Vector Graphic

Come si può incrementare la brand awareness (ovvero la conoscenza del brand) in rete?
I mezzi a disposizione sono molti e portano buoni risultati soprattutto se adeguatamente "mixati" tra loro in una strategia a medio-lungo termine.

Per darvi qualche spunto sugli strumenti a disposizione e un'idea di come possono collaborare tra loro al raggiungimento del risultato - senza annoiarvi con tediosi tecnicismi - ho preparato la seguente "ricetta":

Ingredienti:

  • analisi iniziale dei competitor
  • campagne PPC nella rete display di Google Ads
  • campagne PPC nella rete di ricerca
  • affiliazioni
  • guest post e comunicati stampa
  • campagne di advertising nei social network (a piacere)
  • un pizzico di brand monitorin
  • una manciata di cookies

Ricetta:
Preriscaldare l'ambiente con un'analisi iniziale dei competitor, che consenta di ricavare una strategia di branding "su misura".
Gli ingredienti base che non dovranno mancare sono le campagne di advertising Pay-Per-Clic, sia nella rete display, che nella rete di ricerca.
Un tocco in più è dato dalle campagne di affiliazione, che consentono di raggiungere un discreto numero di utenti in target.

A siti e blog a tema possono inoltre essere proposti dei guest post e inviati dei comunicati stampa, che avremo avuto cura di pianificare con periodicità regolare. Post e comunicati dovranno contenere informazioni interessanti, per facilitarne pubblicazione e diffusione spontanea.

A piacere, se il settore si presta a questo mezzo, possono essere attivate anche delle campagne di advertising nei social network, finalizzate magari a raccogliere un database di utenti, che potranno essere in seguito raggiunti per mezzo di newsletter o attività nei social.

Aggiungere un pizzico di brand monitoring, per essere sempre a conoscenza delle discussioni che nascono intorno al brand nei vari forum, blog e social network.

Per concludere, avere cura di cospargere una manciata di cookies nelle pagine più strategiche del sito, per poter somministrare piccole e mirate dosi di brand, gradualmente nel tempo, agli utenti che già hanno dimostrato interesse navigando nel sito.

Amalgamare il tutto con una strategia a medio-lungo termine e lasciar lievitare lentamente.
Come per tutte le cose buone, il tempo è un ingrediente essenziale.

Abbinamenti consigliati:
La brand awareness online si accompagna molto bene con il caffè, preferibilmente di MOCA... ;)

Commenti

  1. thomas scrive:
    ottima analisi marco!! :) se si riesce a renderla piu' venetorientaleggiante da poter spiegare e illustrare al meglio... detto mai che venga realmente recepita da taaanti imprenditori...
  2. Marco Ziero scrive:
    Grazie mille, Thomas.
    Giro i complimenti ad Angela, è lei l'autrice dell'articolo. :)
  3. Angela Venturin scrive:
    Grazie Thomas! :)
    In effetti spesso l'importanza di promuovere il brand viene sottovalutata da molte aziende, purtroppo...
  4. SEO e branding scrive:
    [...] con il SEO. Gli strumenti che possono essere utilizzati in questa fase sono molti (ne ho parlato qui) e vanno utilizzati con una buona pianificazione [...]

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

Nonostante stia crescendo la consapevolezza delle aziende su quanto Internet (e il digitale in generale) sia un canale capace di sostenere la crescita di un'organizzazione, vedo ancora tante reticenze quando vado a incontrare le aziende. Non è più un tema di ”soglie di ingresso” (che, se ci sono, lo sono più dal punto di vista delle competenze interne che del mero budget), e al […]

Quante volte ti è capitato di chiederti (o di sentirti chiedere) “Perché devo pagare se tanto sono già primo su Google anche con i risultati non a pagamento?” La domanda è lecita ma la risposta te la possono dare solo i dati. Lo scopo di queste righe è mostrarti come ottenere i dati che ti […]

Quante volte hai sentito dire che “il prossimo anno sarà l'anno dei video”? Io tante, ormai da qualche anno. É innegabile che i video stiano prendendo sempre più piede nel nostro modo di comunicare, e così anche nel modo di comunicare delle aziende. Spesso associamo la pubblicità video alla fase conoscitiva di un'azienda o di […]

Cominciamo a lavorare al tuo progetto iniziando con un caffè.

Conosciamoci!
Raccontaci la tua storia, parlaci dei tuoi obiettivi e capiamo assieme come possiamo aiutarti.


 Ho letto l'informativa sulla privacy e mi va bene
Se invece vuoi inviarci il tuo CV, scrivi a
[email protected]