Blog

Rete Display AdWords: 5 idee per intercettare il giusto target

Spesso la rete display di AdWords viene sottovalutata da chi gestisce campagne PPC. Voglio provare a darvi qualche buona ragione per utilizzarla, perché ritengo che spesso non sia sfruttata in tutte le sue potenzialità.

doodle_target_800x530

Ecco quindi 5 idee per targettizzare al meglio il proprio pubblico e far fruttare le proprie campagne nella rete display:

1. targeting per interessi: consente di intercettare gli utenti in base ai loro interessi, determinati dalle navigazioni precedenti. Ad esempio: vogliamo promuovere prodotti per bambini? Possiamo provare a targetizzare i genitori, selezionando i seguenti interessi:

target per interessi

2. targeting per interessi e parole chiave: consente di restringere il target, selezionando gli utenti accomunati da determinati interessi ma mostrando loro il nostro annuncio solo mentre si trovano in pagine che parlano di un determinato tema.
Ad esempio se vogliamo promuovere un hotel per famiglie, possiamo targetizzare i genitori (come sopra) e mostrare loro il nostro annuncio solo in pagine che parlano di vacanze, alberghi, hotel, ecc.
In questo modo intercettiamo il nostro target nel momento in cui si sta informando su prodotti simili al nostro.

3. remarketing: consente di tracciare utenti che hanno già visitato il nostro sito o una parte di esso, o che hanno compiuto delle azioni sullo stesso. Possiamo ad esempio decidere di mostrare un annuncio relativo ai saldi di gennaio a tutti gli utenti che hanno fatto acquisti a dicembre, oppure intercettare gli utenti che hanno visitato la nostra pagina di iscrizione alla newsletter ma non si sono iscritti e mostrare loro un annuncio che prometta qualcosa in cambio dell'iscrizione (uno sconto extra, un ebook, un campione gratuito, ecc.).

4. remarketing negativo: consente di raggiungere solo gli utenti che non hanno ancora visitato il nostro sito, magari per proporre loro un'offerta sul primo acquisto.

5. utenti simili: con questa funzione è possibile raggiungere utenti simili a quelli che fanno parte di un segmento di remarketing, anche se non hanno mai visitato il nostro sito.
Ad esempio possiamo mostrare il nostro annuncio solo agli utenti che hanno gli stessi interessi di quelli che hanno visto una data sezione del nostro sito e provare a "conquistarli" con un'offerta interessante.

I cinque punti sopra elencati possono essere combinati tra loro per affinare ulteriormente la targetizzazione, basta un po' di creatività!
Vi viene in mente qualche altra idea? ;)

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

Nonostante stia crescendo la consapevolezza delle aziende su quanto Internet (e il digitale in generale) sia un canale capace di sostenere la crescita di un'organizzazione, vedo ancora tante reticenze quando vado a incontrare le aziende. Non è più un tema di ”soglie di ingresso” (che, se ci sono, lo sono più dal punto di vista delle competenze interne che del mero budget), e al […]

Quante volte ti è capitato di chiederti (o di sentirti chiedere) “Perché devo pagare se tanto sono già primo su Google anche con i risultati non a pagamento?” La domanda è lecita ma la risposta te la possono dare solo i dati. Lo scopo di queste righe è mostrarti come ottenere i dati che ti […]

Quante volte hai sentito dire che “il prossimo anno sarà l'anno dei video”? Io tante, ormai da qualche anno. É innegabile che i video stiano prendendo sempre più piede nel nostro modo di comunicare, e così anche nel modo di comunicare delle aziende. Spesso associamo la pubblicità video alla fase conoscitiva di un'azienda o di […]

Cominciamo a lavorare al tuo progetto iniziando con un caffè.

Conosciamoci!
Raccontaci la tua storia, parlaci dei tuoi obiettivi e capiamo assieme come possiamo aiutarti.


 Ho letto l'informativa sulla privacy e mi va bene
Se invece vuoi inviarci il tuo CV, scrivi a
[email protected]