Blog

Enhanced Campaigns: il prossimo update AdWords

Questa mattina nella mia casella di posta ricorrevano tra le varie mail, dei comuni denominatori come "enhanced campaigns" e "the biggest AdWords update".

enhanced_campaigns

Si riferivano a questo:

La notizia, diffusa ieri sera dal blog ufficiale di AdWords, parla di questo importante update come di qualcosa che ha l'obbiettivo di semplificare la gestione di campagne crossmediali.

La migrazione alle campagne potenziate (questo è il nome italiano) avverrà in modo graduale, a partire dall'8 febbraio e terminerà molto probabilmente in giugno.

Vediamo le principali novità di questo update con qualche personale riflessione sulle stesse:

  1. Non sarà più possibile trattare in modo differente gli utenti desktop da quelli tablet. La decisione deriva dal fatto che, secondo Google, il comportamento dell'utente nei due media è simile. Tuttavia come potete notare da questo interessante studio di Google (pdf) le motivazioni con cui avviene la navigazione da tablet risultano essere più simili a quelle degli utenti mobile (comunicazione e intrattenimento), piuttosto che a quelle degli utenti desktop (reperire informazioni e tenersi aggiornati). Credo sia un peccato che ci si perda l'opportunità di comunicare in modo diverso alle due tipologie di utenti, anche se devo ammettere che i casi in cui mi è capitato di farlo non sono stati molti.
  2. Non sarà più possibile avere una campagna dedicata unicamente ai dispositivi mobile o a quelli desktop (al massimo sarà possibile impostare a zero l'offerta per uno dei due mezzi). Questo significa che non sarà nemmeno possibile scegliere quanto budget destinare all'uno o all'altro tipo di dispositivo: sarà l'algoritmo di AdWords a decidere come allocare le risorse disponibili.
  3. Sarà possibile variare l'offerta a seconda della posizione, del dispositivo e dell'ora del giorno. Questa è un'opportunità molto interessante, in particolare per le attività commerciali locali. Sarà possibile ad esempio, decidere di aumentare l'offerta per gli utenti mobile che si trovino a meno di un km dal punto vendita da promuovere, negli orari di apertura.
  4. Verranno introdotte nuove estensioni dell'annuncio, le estensioni inoltre saranno definibili a livello di gruppo di annunci. Questo permetterà maggiori ambiti di comunicazione all'utente per mezzo dell'annuncio.
  5. Sarà possibile il tracciamento di nuove tipologie di conversioni come ad esempio il download di un'applicazione o la telefonata da smartphone.

I primi due punti mi lasciano un po' perplessa, perché se è vero che da un lato semplifica, dall'altro rende più difficile la ripartizione del budget tra i vari dispositivi. Voi cosa ne pensate?

 

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

Lo scorso 16 maggio siamo stati invitati ad un evento nel Fullfillment Center di Amazon, a Piacenza, in occasione del quale ci è stata presentata Amazon AMS. Ne hai già sentito parlare? Amazon Marketing Service è la piattaforma pubblicitaria self service di Amazon recentemente rilasciata anche in Italia (è un po' "il Google AdWords di Amazon", […]

Quando spieghiamo ai potenziali clienti quali sono i vantaggi nell'utilizzo dell'advertising online, parliamo anche del fatto che, una volta accesi i motori, il traffico comincerà immediatamente a fluire nel sito web. Ed è qui che si verifica qualcosa di paranormale: le loro pupille assumono distintamente una forma a Euro, ed alcuni nostri commerciali giurano di […]

Se hai avuto l'occasione di rivolgere qualche domanda a me o i miei colleghi, ti sarà capitato di sentirti rispondere "dipende, bisogna testare".   Non è un mantra che adottiamo per sviare le domande scomode, è qualcosa in cui crediamo davvero. Ci crediamo perché, al contrario, dare una risposta frettolosa e senza cognizione di causa […]

[CRO]
[CRO]
[Servizi]
[Servizi]
[ADV]
[ADV]
[CRO]
[CRO]
[SEO]
[SEO]
[Analytics]
[Analytics]
[SERVIZI]
[SERVIZI]
[Analytics]
[Analytics]
[ADV]
[ADV]
[SEO]
[SEO]