Blog

L'approccio ideale ad un nuovo metodo di sviluppo

L'utilizzo di un nuovo metodo di sviluppo incute sempre un po' di timore nello sviluppatore che, spesso e volentieri, alle prese con nuove logiche e flussi di codice, preferisce non abbandonare il metodo che già conosce, rinunciando quindi a fare il passo (che è sempre e comunque un passo in avanti, se non altro per l'esperienza che si accumula). Le scelte più conservative sono generalmente fatte da chi non ha il modo (o il desiderio) di dedicare un po' di tempo all'autoformazione e alla sperimentazione.

web-dev_800x530

L'approccio ad un nuovo metodo di sviluppo, per esempio basato su una piattaforma opensource sviluppata da altri programmatori, porta con sé numerose incognite e può presentare diversi livelli di difficoltà, non sempre legate alla preparazione tecnica dello sviluppatore.

Capire la logica con cui è stata realizzata una piattaforma è un punto fondamentale che è necessario affrontare e che si può rimandare ma non evitare.

Addentrarsi nel “nocciolo della questione”, il cosiddetto “core” è un salto spesso e volentieri nel buio, per compiere il quale è necessario munirsi di molta pazienza e di lucidità. Le difficoltà che si possono incontrare diventano insormontabili o quantomeno proibitive, specie se nel passato non si è mai avuto un metodo di lavoro preciso e standardizzato.

La tendenza principale è quella di inserire propri blocchi di codice (magari ereditati da altri progetti sviluppati in passato) all'interno delle singole pagine e tentare di farli funzionare non interessandosi minimamente di tutta una serie di aspetti che sono strettamente legati con il core, fra tutti la logica.

Analizzare come le altre pagine della struttura sono state sviluppate è di grande aiuto per individuare quelle porzioni di codice che possono servire al proprio caso e la maggior parte di queste sono rappresentate dalle funzioni condivise da tutte le pagine della piattaforma.

Conoscere le funzioni presenti nel sistema e quello che possono fare è di vitale importanza, poiché può far risparmiare molto tempo in fase di scrittura del codice.

Ogni intervento nel codice sorgente dovrebbe essere in linea con l'intera logica di sviluppo e ogni blocco di codice estraneo alla logica di sviluppo, dovrebbe essere rimosso, per garantire all'intero sistema sicurezza, prestazioni, consistenza e scalabilità.

Quali sono le vostre esperienze in merito e quali i vostri approcci?

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

Il Natale è ormai alle porte e ti potrà capitare di pianificare delle campagne specifiche in vista di questo periodo. Potrebbe essere un'idea, per rendere il tutto più semplice, suddividere l'arco temporale in 4 grandi momenti, in questo modo sarà più facile pensare alla strategia se conosci i destinatari del tuo messaggio. Ottobre: il Natale arriva in […]

Nelle ultime settimane mi è capitato di incontrare molte aziende del ramo b2b - business to business. È un mondo affascinante, storicamente più restio ai temi del marketing digitale, che sta acquisendo però una consapevolezza nuova. Queste aziende hanno una enorme capacità innovativa al proprio interno. Ci sono dei veri miracoli industriali in giro. Aziende che fanno prodotti incredibili. E […]

Mentre digeriamo abbacchio, cappone o capitone (a seconda della latitudine), approfittiamo di questi giorni di riposo per guardare un po' indietro all'anno che sta per finire e condensare le cose che vale la pena portare con noi in vista del 2016. Le elenco, provando a dare un filo logico. La notorietà di marca viene prima di qualsiasi performance Spesso […]

[CRO]
[CRO]
[Servizi]
[Servizi]
[ADV]
[ADV]
[CRO]
[CRO]
[SEO]
[SEO]
[Analytics]
[Analytics]
[SERVIZI]
[SERVIZI]
[Analytics]
[Analytics]
[ADV]
[ADV]
[SEO]
[SEO]