Blog-  

Campagne PPC di Brand: 8 Motivi per Farle e 6 Esempi

Spesso fare campagne PPC destinate alla rete di ricerca, per parole chiave di brand, viene considerato uno spreco di soldi. Perché dovrei pagare per essere visibile per il mio brand quando lo sono già gratuitamente con i risultati naturali?

ppc_800x530

Ecco qualche ragione per farlo:

  1. Scegliere il messaggio che volete comunicare all'utente, senza dover aspettare i lunghi tempi di re-indicizzazione dei motori di ricerca. Questo vi permetterà ad esempio di dare maggiore visibilità ad una promozione temporanea, o allineare il vostro messaggio con quello utilizzato in spot veicolati nei media offline.
  2. Personalizzare il messaggio a seconda dell'area geografica dell'utente o della fascia oraria. Potreste ad esempio indirizzarlo verso i rivenditori della sua provincia, o studiare un diverso copy del messaggio a seconda della fascia oraria.
  3. Indirizzare l'utente verso una pagina diversa da quella selezionata dal motore di ricerca, come ad esempio una pagina con un più alto tasso di conversione o con la promozione del momento.
  4. In SERP particolarmente ricche di contenuti come mappe, immagini, video, product ads, potreste guadagnare un bel po' di traffico comparendo nella parte superiore della pagina, dove si può arrivare solo con annunci a pagamento.
  5. Un link in più al vostro sito nella pagina dei risultati di Google significa opportunità in più. Opportunità che è importante non sprecare, soprattutto per le chiavi di brand, che generalmente sono caratterizzate da tassi di conversione superiori alla media.
  6. Essere presenti due o più volte nella stessa pagina, tra cui una volta come primo listing in alto, rafforza l'immagine del brand agli occhi dell'utente.
  7. Colonizzare la no scroll area (con annunci a pagamento, listing naturale del sito, risultati dai social, ecc.) per togliere spazio a chi (s)parla di voi o a brand omonimi ma meno previdenti.
  8. Se non lo fate voi lo farà qualcun altro.

Per concludere, vi lascio qualche utile esempio (cliccate per ingrandire):

PPC Amazon

Amazon: annuncio per brand per dare visibilità all'offerta del momento.

Annuncio AdWords

Annuncio per promuovere AdWords, con un copy differente e l'aggiunta del numero di telefono.

Annuncio Trenitalia

Con l'annuncio di brand Trenitalia rimanda l'utente ad una landing page differente e grazie ai sitelink mette in evidenza le offerte per le principali tratte.

AdWords brand bidding Panda

In questo caso si rende necessaria una disambiguazione, per entrambi i brand.

annuncio Diesel

Diesel vuole dare maggiore evidenza allo store, anziché alla home page proposta nei risultati naturali.

Annuncio Alice Telecom

Per Alice, Google propone tra i risultati naturali il link alla web mail, probabilmente perché le ricerche degli utenti sono orientate prevalentemente verso questo obiettivo. Tuttavia Telecom ha deciso di offrire agli utenti una landing page alternativa (sicuramente più remunerativa per l'azienda).

Avete qualche esperienza diretta da aggiungere? O avete notato qualche campagna di brand particolarmente efficace? Segnalatela nei commenti qui sotto ;)

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

Può succedere, magari quando rifai il tuo sito web, che tu decida di trasferirlo su un nuovo dominio o anche semplicemente - all'interno dello stesso dominio - di modificarne radicalmente l'architettura informativa. In questi casi la prima domanda che dovresti porti è se gli URL delle pagine subiranno delle modifiche. Perché se è così e la […]

Lo scorso 16 maggio siamo stati invitati ad un evento nel Fullfillment Center di Amazon, a Piacenza, in occasione del quale ci è stata presentata Amazon AMS. Ne hai già sentito parlare? Amazon Marketing Service è la piattaforma pubblicitaria self service di Amazon recentemente rilasciata anche in Italia (è un po' "il Google AdWords di Amazon", […]

Ti è mai capitato di navigare in Internet per organizzare le tue vacanze, trovare un bel posto, copiarti l'URL del browser ed inviarlo ai tuoi amici su WhatsApp? Bene, lo faccio anche io. E anche io come te ho alimentato così il traffico da dark social. Non ti preoccupare, non si tratta di qualcosa di […]

[CRO]
[CRO]
[Servizi]
[Servizi]
[ADV]
[ADV]
[CRO]
[CRO]
[SEO]
[SEO]
[Analytics]
[Analytics]
[SERVIZI]
[SERVIZI]
[Analytics]
[Analytics]
[ADV]
[ADV]
[SEO]
[SEO]