Blog-  

Non solo data driven: il web è (anche) creatività

A ogni giro di orologio sentiamo ripetere che la forza del web, e ciò che lo contraddistingue rispetto ai “vecchi” canali, è che tutto (o quasi) è misurabile. Ogni piccola sfumatura del comportamento di un utente è tracciabile, e le decisioni di chi fa marketing possono essere supportate da una galassia di dati (li esamineremmo tutti con piacere, se la nostra giornata fosse di 56 ore :p )

A volte però, sembra che esplorando estasiati - e magari un po' spaesati - questo universo di numeri, tendiamo a dimenticare quell'elemento che per anni ha costituito il soffio vitale della comunicazione: la creatività. Così presi a capire se sia meglio spingere una campagna alle sei di sera piuttosto che alle otto, o a lambiccare tortuosi modelli di attribuzione friggendoci il cervello, perdiamo di vista il cuore.

Per quanto possiamo essere bravi a studiare il nostro target e il modo migliore per raggiungerlo, non possiamo dimenticarci il passo successivo, ossia convincere. Possiamo usare parole, immagini e video per valorizzare ciò che offriamo, ma quante volte riserviamo adeguata attenzione a questa faccia della medaglia?

Big Data vs. Creatività. Senza creatività riusciamo a convincere davvero i possibili clienti?

 

Creativi, ma con metodo

È pur vero che il tempo per affrontare bene questa fase spesso scarseggia. Esistono però delle semplici linee guida per facilitarci nel produrre un messaggio efficace, a prescindere che esso si concretizzi in annunci, landing page o altri contenuti.

Possiamo agire in diverse direzioni, per toccare corde differenti in chi sta di fronte al messaggio. Ecco alcuni ambiti:

1) Value proposition

Ciò che rende l'offerta unica e di valore rispetto ai concorrenti. Essa può declinarsi in varie sfumature, ognuna delle quali darà vita a un messaggio particolare. Ad esempio:

  • Qualità > “Fatto con Passione. Lavorazione artigianale per darti la migliore Qualità”
  • Convenienza > “Ti garantiamo il prezzo più basso. Abbonamenti a partire da 19€”
  • Varietà > “Il sito di macchine da cucire con la scelta più ampia del web!”
  • Autorevolezza > “Wedding Planning dal 1989. Più di 500 Matrimoni organizzati con successo”

2) Ansia

Il timore latente e in una certa misura inconscio che una persona sviluppa nel caso avverta di non avere tutto sotto controllo. Come agire per cercare di ridurla:

  • Niente clausole/tariffe nascoste > “0 Bollo, 0 Costi di Gestione”
  • Focus su “Loss versus Gain” (il guadagno a fronte della spesa) > “Annunci verificati e guida all'acquisto. Nessuna brutta sorpresa!”
  • Soddisfatti o rimborsati > “Reso gratis entro 30 giorni”
  • Messaggio "non sei solo" > “Più di 200 aziende utilizzano il nostro software”

3) Frizione

Ha a che fare con la natura delle interazioni che le persone devono svolgere in un sito. Se esse sono troppo complicate o lunghe, hanno meccanismi poco chiari o si adattano male all'utilizzo su un certo dispositivo, l'utente si troverà in difficoltà e potrebbe non svolgere l'azione sperata. Come far leva sul messaggio per comunicare semplicità?

  • Velocità > “Ottieni un preventivo in soli 2 minuti!”
  • Facilità > “Segui la procedura guidata e iscriviti in soli 3 step”
  • Inserimento di informazioni > “Prenota senza inserimento di carta di credito”
  • Coerenza con dispositivi mobili > "Scarica la nostra app per prenotazioni facili da smartphone"

4) Incentivi

Quella spinta in più per incoraggiare le persone a prendere una decisione. Alcuni esempi:

  • Sconti > “20% di Sconto fino al 31 dicembre!”
  • Omaggi > “Acquista ora, e ricevi gratis il ricettario di Natale!”
  • Spedizione gratis > “Solo per oggi, consegna gratuita!”
Creatività utile per sottolineare la value proposition e chiarire gli incentivi. Data driven ma col cuore.

 

Testare, e testare ancora

Una volta scelte le soluzioni più appropriate a un caso specifico, è il momento di testarle. Il modo più semplice è procedere con un classico A/B test, mettendo “in gara” due soluzioni alla volta. Ad esempio, potreste confrontare una soluzione basata sulla rimozione dell'ansia e una basata su punti di forza unici del prodotto.

Inoltre, ci sono molti altri piccoli elementi che potrebbero costituire materia di test, ad esempio:

  • Prezzo inserito nell'annuncio VS prezzo non inserito;
  • Differenti Call to action: “Ottieni un preventivo” VS “Richiedi un preventivo”;
  • In un annuncio, utilizzo della dicitura “Sito ufficiale” oppure no;
  • In un annuncio, inserimento del nome dell'azienda VS inserimento di un elemento diverso.

Che succede là fuori?

Infine, un'ultima prassi sempre salutare: dare un occhio a ciò che fa la concorrenza. “Spiare” annunci e landing page altrui è molto spesso fonte di ottimi spunti: non si tratta di copiare, ma di prendere ispirazione dalle idee degli altri con l'obiettivo di valorizzarle meglio di quanto abbiano fatto essi ;)

Creatività nell'Adv aiuta: più reach e annunci ottimizzati. Insieme a dati=migliori performance

 

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

Spesso in MOCA ci capitano progetti web, in particolare e-commerce, che hanno un catalogo prodotti molto ampio ed un elenco di categorie altrettanto numeroso. In questi casi diventa difficile concentrare tutte le risorse in egual misura su ogni singola pagina facente parte dell'alberatura del sito, per motivi di budget, di tempo o di dispersione eccessiva […]

Se hai avuto l'occasione di rivolgere qualche domanda a me o i miei colleghi, ti sarà capitato di sentirti rispondere "dipende, bisogna testare".   Non è un mantra che adottiamo per sviare le domande scomode, è qualcosa in cui crediamo davvero. Ci crediamo perché, al contrario, dare una risposta frettolosa e senza cognizione di causa […]

I dati ufficiali di Google dicono che il 51% delle ricerche nel 2016 sono avvenute da mobile. Con l'esplosione degli smartphone, anche il nostro comportamento è cambiato considerevolmente. Sempre di più, quando ci rivolgiamo al nostro dispositivo mobile, lo facciamo per soddisfare un bisogno immediato (qui, ora, adesso), che Google definisce come un micro-momento. Nello […]

[CRO]
[CRO]
[Servizi]
[Servizi]
[ADV]
[ADV]
[CRO]
[CRO]
[SEO]
[SEO]
[Analytics]
[Analytics]
[SERVIZI]
[SERVIZI]
[Analytics]
[Analytics]
[ADV]
[ADV]
[SEO]
[SEO]