Blog-  

Google Update "Pigeon": questa volta è un piccione

Anche quest'anno gli amici di Google hanno pensato di rilasciare un aggiornamento dell'algoritmo a ridosso delle vacanze estive.

google-pigeon-800x530

Pigeon: un algoritmo dedicato a local e mobile

Si chiama "Pigeon" ed è dedicato ai risultati di ricerca local. A quanto si dice la modifica, per ora in test solo negli Stati Uniti, dovrebbe restringere ancor di più il raggio di azione delle ricerche local, favorendo soprattutto gli utenti mobile e quindi le ricerche legate al "qui ed ora". Una descrizione dettagliata di come sembra essere cambiato l'algoritmo la trovate qui.

E in Italia quando arriverà il piccione viaggiatore i risultati di ricerca come cambieranno? Ai posteri l'ardua sentenza, per ora mi limito a fare alcune osservazioni a riguardo.

La prima è che le campagne di advertising geolocalizzate avranno un peso sempre maggiore, in particolar modo in quei casi in cui un'azienda vuole ottenere visibilità per località limitrofe alla propria.
Magari oggi viene naturale ottenere visibilità organica per un'area geografica vicina a quella in cui si trova la sede della propria azienda, ma un domani sembra che questo sarà sempre meno scontato. Ergo le aziende strettamente legate al territorio dovranno valutare degli investimenti in campagne pay-per-click per sfruttare a pieno le opportunità di visibilità su Google.

La seconda osservazione, anzi la chiamerei più "desiderio" è che Google Pigeon migliori tutte quelle SERP local famose per presentare tra i primi risultati di ricerca siti web che adottano ancora delle pratiche di posizionamento obsolete, spesso penalizzanti. Si tratta di SERP poco utili all'utente stesso (e fanno venire rabbia ai white hat SEO ;) ). In alcuni casi, le ricerche geolocalizzate sembrano davvero un limbo dove il tempo si è fermato e alcune regole ferree della SEO 2014 non trovano applicazione.

Vediamo da vicino qualche esempio:

1. Nome a dominio con parole chiave: i famosi domini contenenti le parole chiave più importanti per la propria attività, che adesso non sono più determinanti per il posizionamento (es.: estetistanapoli.it). Ora se ne vedono sempre meno, perché per fortuna se un dominio è di per sé autorevole in un settore, poco importa qual è il suo nome.

2. Pagine declinate per località: le famose pagine che nel testo variano solo per la località di riferimento. Un tempo erano utili per la geolocalizzazione, ma oggi spesso servono solo a incrementare la percentuale di duplicazione dei contenuti nel sito.

3. Network di siti: tanti siti, con contenuti magari identici, che alla fine illustrano i servizi di un'unica azienda/persona. Qui c'è anche la combinazione con il nome a dominio, dove i vari domini vengono declinati con parola chiave + località (es.: fioristamilano.it; avvocatobologna.it…) e link reciproci tra di loro.

Mi fermo qui, poi chi più ne ha più ne metta.
E voi che ne pensate delle conseguenze di Pigeon sul vostro business?

Intanto pensateci, io aspetto le risposte dopo le vacanze. ;)

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

Di recente, ho avuto l'occasione di incontrare un nuovo cliente che mi ha fatto percepire - per sua stessa ammissione - titubanza nei confronti di una nuova partnership: aveva avuto un'esperienza precedente poco felice. Ti suona familiare questa storia? Di certo non sei né la prima né l'ultima persona che si troverà in una situazione […]

Ti sei mai chiesto quanto affidabili siano i dati che leggi in un account di Google Analytics piuttosto che su una piattaforma di advertising come Facebook? Ti fidi al 100% delle sessioni, dei clic o dei tassi di conversione riportati? Beh, pensare che i sistemi di web analytics siano impeccabili è utopistico, ma come si […]

Ok, tracciare le conversioni di un e-commerce è facile. Basta tracciare le vendite no? Beh, non è proprio così semplice ma di questo ti parlerò in un altro articolo:) Se invece abbiamo un sito in cui non vendiamo direttamente i nostri prodotti, o un blog di contenuti, cosa ci conviene tracciare con Google Analytics? Bella domanda. […]

Cominciamo a lavorare al tuo progetto iniziando con un caffè.

Conosciamoci!
Raccontaci la tua storia, parlaci dei tuoi obiettivi e capiamo assieme come possiamo aiutarti.


 Ho letto l'informativa sulla privacy e mi va bene
Se invece vuoi inviarci il tuo CV, scrivi a
job@mocainteractive.com
[CRO]
[CRO]
[Servizi]
[Servizi]
[ADV]
[ADV]
[CRO]
[CRO]
[SEO]
[SEO]
[Analytics]
[Analytics]
[SERVIZI]
[SERVIZI]
[Analytics]
[Analytics]
[ADV]
[ADV]
[SEO]
[SEO]