Blog-  

Come funziona la pubblicità su Instagram: curiosità e cose da sapere!

Stai cercando informazioni su Instagram perché ti piacerebbe capirne di più sul suo funzionamento e su come potresti utilizzarlo? Bene, sei nel posto giusto :)

Questo articolo è suddiviso in due parti:

  • attività organica (quindi non a pagamento, gratuita - ad eccezione del tempo, naturalmente) necessaria per testare il canale ed il potenziale che questo potrebbe riservarti
  • attività a pagamento da accendere successivamente dopo aver testato il punto precedente

Instagram

Attività organica

I passi che io farei possono risultare interessanti in una prima fase dove devi prendere dimestichezza con Instagram, capirne il contesto e controllare come si muovono i tuoi concorrenti.

1) Controlla i tuoi competitor

Sono presenti su Instagram? Quali contenuti e quali hashtag utilizzano? Cerca di analizzare almeno due profili ed annota nero su bianco i punti di forza e le debolezze che emergono creando un quadro generale di come si stanno muovendo; ti tornerà utile quando dovrai pensare al tuo piano editoriale.

2) Cerca il tuo stile

Una volta aperto l'account, prenditi del tempo per creare immagini e contenuti, la bellezza e la finezza su Instagram contano molto, identifica i tuoi messaggi usando gli stessi schemi di colori e utilizzando toni simili nelle immagini, in questo modo l'utente ti riconoscerà molto più velocemente. Per mantenere alto il ritorno degli utenti sforzati di capire cosa cercano: preferiscono immagini professionali dai toni tenui o immagini cariche di energia dai toni forti?
Ho selezionato alcuni account Instagram che possono essere d'ispirazione:

3) Visibilità al tuo profilo

Se reputi che Instagram sia il canale principale per te allora indirizza le persone che già conosci creando collegamenti dal tuo sito verso il profilo, inserendo nelle newsletter l'icona social e condividendo l'account Instagram su Facebook cercando così di sfruttare le persone che ti seguono in altri canali.

4) Partecipa alla conversazione (e prendi appunti)

Trascorri qualche settimana seguendo i principali influencer (per scovarli segui diversi hashtag e blogger) che sono più vicini al tuo prodotto, intrufolati nelle conversazioni e cerca di instaurare un legame, è un modo come un altro per farsi conoscere.

5) Scopri ed analizza i dati

Utilizza degli strumenti per capire se quanto fatto fino ad ora ha portato qualche risultato, controlla il numero dei seguaci (follower) e quali contenuti hanno ricevuto più interazione, con questi strumenti riuscirai ad estrapolare dei dati interessanti per la tua analisi:

Attività a pagamento

Se la prima fase ha prodotto dei buoni risultati può aver senso passare al secondo punto attivando delle campagne a pagamento.

La pubblicità su Instagram viene gestita direttamente dal Power Editor di Facebook, accessibile solo da Chrome (se ci vuoi accedere ora, clicca su questo link).

Se sei alle prime armi con la creazione di una campagna scrolla in fondo all'articolo, c'è un link ad un articolo che ti guida passo passo.

1) Includi Instagram nei posizionamenti

All'interno di ogni campagna è possibile - dalla gestione delle inserzioni di Facebook - scegliere dove pubblicarla, se su Facebook, Instagram oppure entrambi i posizionamenti contemporaneamente. Soprattutto all'inizio quando non sappiamo quanto budget destinare a questo canale può aver senso creare delle campagne utilizzando posizionamenti condivisi (Facebook + Instagram) ed analizzare i dati a posteriori.

Ipotizzando di aver fatto girare la campagna per qualche settimana (simultaneamente su entrambe le piattaforme) passiamo ad analizzare i dati; potrebbe emergere che:

  • confrontando il CPM (costo per mille visualizzazioni) a parità di target scelto, riusciamo a capire quale tra Facebook e Instagram sia la piattaforma più economica in termini di visualizzazioni
  • confrontando il CPC (costo per clic) e CR (tasso di conversione - se abbiamo impostato una conversione), possiamo capire quale piattaforma si presta meglio a portare traffico al sito internet ed a generare delle conversioni fuori da Instagram
  • confrontando le reazioni, condivisioni e commenti invece abbiamo l'idea di quale tra i due social crea maggior coinvolgimento

Queste sono alcune considerazioni (basate sui dati) molto utili per capire se e in che modo questo canale possa rientrare all'interno di un piano di comunicazione più ampio.

2) Capiamo cosa ha senso promuovere su Instagram

Se dal test con un posizionamento condiviso non sei riuscito a capire cosa funziona meglio su Instagram rispetto a Facebook allora poniti 2 domande:

  • la principale: qual è il tuo obiettivo su Instagram? Brand Awareness, visite al sito web, visualizzazione video, promozione di un catalogo prodotti o promozione di un'app?
  • che contenuto hai a disposizione? Si presta oppure no?
    In caso contrario, sono disposto a pagare o investire del tempo per ottenere contenuti più adatti ad Instagram?

Dalla mia esperienza ti posso dare qualche dritta:

  • ti sconsiglio di replicare le campagne attive su Facebook anche su Instagram, anche se l'advertising viene gestita in un unico posto sono due mondi molto diversi e vanno trattati come tali
  • concentrati più sul contenuto da mostrare all'utente e meno sul sito, attualmente Instagram non si presta particolarmente bene per portare traffico esternamente (i CPC sono molto più alti rispetto a Facebook), per come è strutturata la piattaforma l'utente non approfondisce il contenuto ma piuttosto è a caccia di <3
  • l'immagine non deve essere un prodotto su sfondo bianco ma deve catturare l'attenzione, ci deve essere una composizione o comunque uno studio dietro, qui qualche profilo che lavora molto bene in termini visual:
    https://www.instagram.com/tommyhilfiger/
    https://www.instagram.com/levis/
    https://www.instagram.com/lancomeofficial/

Se su Facebook ormai vediamo di tutto qui (almeno per ora) c'è un certo stile da rispettare perciò rispettiamolo!

Riassumendo

  • un grande SI ad Instagram per video ed immagini prodotto, considerando come KPI (indicatori chiave di andamento) le visualizzazioni, il coinvolgimento e il costo per coinvolgimento
  • un NI ad Instagram per campagne che portano traffico al sito, se l'obiettivo numero 1 è portare traffico allora decisamente NO, troviamo degli strumenti con costi per clic molto più economici, se invece l'obiettivo primario rimane un altro e secondariamente portiamo delle visite al sito allora valutiamolo!

Spero di aver fugato i tuoi dubbi sull'utilizzo di questo strumento se così non fosse o hai ancora delle perplessità scrivimi qui sotto.

Qui il link per creare una campagna su Facebook.

[UPDATE 21/09/2015]

Dopo pochi giorni dal lancio ufficiale della pubblicità su Instagram vi aggiorniamo con le prime novità che compaiono direttamente da Power Editor:

  • ora è possibile creare una campagna scegliendo come obiettivo anche "Video Views", nuova modalità che si aggiunge a "Clicks to Website", "Mobile App Installs".
  • la scelta del posizionamento su Instagram non esclude più gli altri posizionamenti (desktop e mobile), ma ad oggi è possibile creare una campagna unica per entrambi i social.
  • le dimensioni delle immagini cambiano a seconda del posizionamento scelto, per Instagram + Mobile o Desktop la dimensione consigliata è: 1200 x 628 px mentre se si sceglie solo Instagram la dimensione consigliata cambia a: 1080 x 1080 px.
  • nelle campagne "Clicks to Website" ora è possibile inserire oltre all'immagine statica anche un video purché abbia una durata massima pari a 30 secondi.

[FINE UPDATE]

9_9_2015

Sotto al post, dopo la conclusione abbiamo aggiunto un update alla data 21/09/2015

Se esistesse un libro che raggruppasse tutti i social del mondo, direi che ieri 9 settembre 2015 è iniziato un nuovo capitolo. Dopo l'annuncio avvenuto qualche mese fa, la pubblicità su Instagram è arrivata anche in Italia e noi non ce la siamo fatta scappare:)

Abbiamo trascorso la mattinata stessa raccogliendo diverse informazioni sparse per la rete e vogliamo condividere con voi quanto abbiamo appreso per iniziare a scrivere insieme le prime pagine di questo nuovo capitolo intitolato: "La Pubblicità su Instagram".

    1. Cosa abbiamo letto di interessante

Teoria

Facendo un succulento mashup tra i vari articoli, vi riporto qualche chicca interessante sulla quale vale la pena soffermarsi:

  • secondo questo articolo i prezzi che potremo aspettarci dalle inserzioni saranno abbastanza altini, si parla di $6,70 per CPM (la fonte fa riferimento ad un mercato diverso dall'Italia);
  • CTR impressionanti (secondo Fortune, gli utenti sono 2,5 volte più propensi a cliccare sugli annunci presenti su Instagram rispetto agli altri social);
  • tramite l'advertising si potrà rimandare ad un contenuto esterno, rimanendo comunque dentro l'applicazione di Instagram (tramite un browser);
  • l'advertising sarà visibile solo dall'app mobile e non dalla versione desktop del social (per adesso);
  • i dati che Instagram utilizza per individuare l'utente potenzialmente più interessato a contenuti pubblicitari sono le informazioni sulle attività svolte dall'utente su Instagram (le persone seguite, gli apprezzamenti alle foto) e su Facebook (informazioni, interessi, i siti web visitati e le applicazioni utilizzate);
  • l'utente può cancellare la pubblicità dal proprio feed (solo il contenuto pubblicitario specifico, non tutto quello che andrà a pubblicizzare tale brand);
  • nei Paesi in cui l'advertising è già attivo, dicono che il 97% delle campagne ha generato un aumento significativo dell' "adv recall”, ovvero il ricordo di prodotti e brand a seguito di un' esposizione ad una comunicazione pubblicitaria.

[inlinetweet prefix="" tweeter="" suffix=""]Pubblicità Instagram altamente performante: conferma appeal visivo ADV. Il CTR alto lo prova.[/inlinetweet]

Casi studio

  • Made.com ha utilizzato la pubblicità su Instagram per aumentare il valore medio degli ordini online (un incremento del 10%);
  • Gilt Groupe l'ha utilizzata per aumentare i download della sua app (dichiarando un incremento dell'85% rispetto alle sue medie).

Oltre ai due brand citati sopra, troviamo anche Audi, Illy, Toyota, Carrera, Mercedes, Samsung, Chupa Chups, Ford, Yoox, Warner Bros.

2.  Stato dell'arte: cosa possiamo fare ora.

Configurazione dell'account

Tutto si svolge all'interno del Business Manager di Facebook, prima di tutto si configura l'account inserendo le credenziali di Instagram associandolo poi all'account pubblicitario di Facebook ed il gioco è fatto.

Schermata 2015-09-10 alle 09.01.09

 

[inlinetweet prefix="" tweeter="" suffix=""]Gestione unica ADV FB e Instagram: Facebook Business Manager. Sinergie fra canali complementari[/inlinetweet]

Creazione Campagna

Attualmente (per noi comuni mortali) le tipologie di campagne che possiamo attivare sono la classica e amata "Click to Website" e "Mobile App Install". Oggi 10 settembre nel Power Editor sono comparsi dei messaggi in riferimento a questi obiettivi, deduco che essendo in fase di Rollout a breve si potrà scegliere anche altre tipologie di campagne.

In entrambe le opzione il procedimento di creazione è il medesimo che ritroviamo su Facebook cioè: Campagna -> Gruppo Inserzioni -> Inserzioni.

La differenza sostanziale la troviamo nel posizionamento a livello di gruppo d'inserzione, dal quale possiamo optare per la scelta "Instagram".

Schermata 2015-09-09 alle 17.37.31
Attualmente la scelta di questo canale esclude la possibilità di creare un'unica campagna trasversale sia per Facebook sia per il nuovo social.

La targetizzazione rimane uguale, l'unica nota che mi sento di sollevare riguarda la connessione, in quanto ad oggi non è possibile targetizzare per i follower del nostro profilo su Instagram come invece è possibile farlo per i fan di una nostra pagina Facebook.

Non appena ci spostiamo a livello di inserzione all'interno del Power Editor troviamo una leggera differenza rispetto a prima e cioè la possibilità di collegare l'account Instagram.

Schermata 2015-09-09 alle 17.40.11

Per ora è possibile associare all'adv una sola immagine statica, perciò niente promozione su dei post già esistenti, niente video e niente Multi Product Ads.

Cosa molto interessante invece sono le call to action che a quanto pare, a differenza di qualche notizia dove si spifferava l'utilizzo di sole tre call to action, si possono utilizzare tutte quelle messe a disposizione da Facebook.

Attualmente il formato consigliato per l'immagine utilizzata per l'inserzione esterna è 1200x1200 il quale subirà un resize a 640x640, mentre per la promozione dell'app il formato consigliato è 1080x1080.

Una volta impostato il tutto abbiamo provato ad attivare la campagna, ma ahimè ci è comparso un errore informandoci che in Italia non è ancora possibile fare advertising.  A quanto pare bisognerà aspettare ancora qualche giorno.

Rollout e prossimi arrivi:

  • Instagram inserisce il formato Landscape, qui l'articolo completo. Questo nuovo formato renderà maggiormente accessibile l'utilizzo del social network da parte delle aziende, le quali non dovranno più predisporre delle immagini ad hoc
  • Arrivano i video! A quanto pare i video organici potranno avere una durata massima di 15' ([...]Instagram's James Quarles told me it wouldn't be technically feasible to expand the video length limit to 30 seconds for non-advertisers. This means businesses can easily port their television commercials into Instagram ads.[...], link all'articolo originale) mentre i video destinati all'advertising potranno avere una durata massima di 30'. A quanto pare Instagram vuole facilitarci le cose adottando un formato video già in uso nel settore televisivo (30'), potremo immaginarci perciò la pubblicazione dello stesso contenuto su canali diversi
  • Carousel, ideale per sbizzarrirsi creando delle storie da raccontare con le immagini
  • Il formato marquee viene indicato come “premium ad format” per campagne con alti budget disponibili ed il cui obiettivo è quello di raggiungere una reach molto ampia il tutto in un solo giorno (ideale per eventi come la premiere di un film o il lancio di un prodotto)

E voi avete già iniziato a testare le nuove funzionalità? Avete riscontrato qualche differenza rispetto a quanto scritto sopra? Raccontateci la vostra opinione.

[inlinetweet prefix="" tweeter="" suffix=""]Instagram ADV permette import di spot TV. Stessa comunicazione su due canali così diversi?[/inlinetweet]

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

Spesso in MOCA ci capitano progetti web, in particolare e-commerce, che hanno un catalogo prodotti molto ampio ed un elenco di categorie altrettanto numeroso. In questi casi diventa difficile concentrare tutte le risorse in egual misura su ogni singola pagina facente parte dell'alberatura del sito, per motivi di budget, di tempo o di dispersione eccessiva […]

Se hai avuto l'occasione di rivolgere qualche domanda a me o i miei colleghi, ti sarà capitato di sentirti rispondere "dipende, bisogna testare".   Non è un mantra che adottiamo per sviare le domande scomode, è qualcosa in cui crediamo davvero. Ci crediamo perché, al contrario, dare una risposta frettolosa e senza cognizione di causa […]

I dati ufficiali di Google dicono che il 51% delle ricerche nel 2016 sono avvenute da mobile. Con l'esplosione degli smartphone, anche il nostro comportamento è cambiato considerevolmente. Sempre di più, quando ci rivolgiamo al nostro dispositivo mobile, lo facciamo per soddisfare un bisogno immediato (qui, ora, adesso), che Google definisce come un micro-momento. Nello […]

[CRO]
[CRO]
[Servizi]
[Servizi]
[ADV]
[ADV]
[CRO]
[CRO]
[SEO]
[SEO]
[Analytics]
[Analytics]
[SERVIZI]
[SERVIZI]
[Analytics]
[Analytics]
[ADV]
[ADV]
[SEO]
[SEO]