Blog-  

Rete Display AdWords: 5 idee per intercettare il giusto target

Spesso la rete display di AdWords viene sottovalutata da chi gestisce campagne PPC. Voglio provare a darvi qualche buona ragione per utilizzarla, perché ritengo che spesso non sia sfruttata in tutte le sue potenzialità.

doodle_target_800x530

Ecco quindi 5 idee per targettizzare al meglio il proprio pubblico e far fruttare le proprie campagne nella rete display:

1. targeting per interessi: consente di intercettare gli utenti in base ai loro interessi, determinati dalle navigazioni precedenti. Ad esempio: vogliamo promuovere prodotti per bambini? Possiamo provare a targetizzare i genitori, selezionando i seguenti interessi:

target per interessi

2. targeting per interessi e parole chiave: consente di restringere il target, selezionando gli utenti accomunati da determinati interessi ma mostrando loro il nostro annuncio solo mentre si trovano in pagine che parlano di un determinato tema.
Ad esempio se vogliamo promuovere un hotel per famiglie, possiamo targetizzare i genitori (come sopra) e mostrare loro il nostro annuncio solo in pagine che parlano di vacanze, alberghi, hotel, ecc.
In questo modo intercettiamo il nostro target nel momento in cui si sta informando su prodotti simili al nostro.

3. remarketing: consente di tracciare utenti che hanno già visitato il nostro sito o una parte di esso, o che hanno compiuto delle azioni sullo stesso. Possiamo ad esempio decidere di mostrare un annuncio relativo ai saldi di gennaio a tutti gli utenti che hanno fatto acquisti a dicembre, oppure intercettare gli utenti che hanno visitato la nostra pagina di iscrizione alla newsletter ma non si sono iscritti e mostrare loro un annuncio che prometta qualcosa in cambio dell'iscrizione (uno sconto extra, un ebook, un campione gratuito, ecc.).

4. remarketing negativo: consente di raggiungere solo gli utenti che non hanno ancora visitato il nostro sito, magari per proporre loro un'offerta sul primo acquisto.

5. utenti simili: con questa funzione è possibile raggiungere utenti simili a quelli che fanno parte di un segmento di remarketing, anche se non hanno mai visitato il nostro sito.
Ad esempio possiamo mostrare il nostro annuncio solo agli utenti che hanno gli stessi interessi di quelli che hanno visto una data sezione del nostro sito e provare a "conquistarli" con un'offerta interessante.

I cinque punti sopra elencati possono essere combinati tra loro per affinare ulteriormente la targetizzazione, basta un po' di creatività!
Vi viene in mente qualche altra idea? ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

I dati ufficiali di Google dicono che il 51% delle ricerche nel 2016 sono avvenute da mobile. Con l'esplosione degli smartphone, anche il nostro comportamento è cambiato considerevolmente. Sempre di più, quando ci rivolgiamo al nostro dispositivo mobile, lo facciamo per soddisfare un bisogno immediato (qui, ora, adesso), che Google definisce come un micro-momento. Nello […]

Di recente, ho avuto l'occasione di incontrare un nuovo cliente che mi ha fatto percepire - per sua stessa ammissione - titubanza nei confronti di una nuova partnership: aveva avuto un'esperienza precedente poco felice. Ti suona familiare questa storia? Di certo non sei né la prima né l'ultima persona che si troverà in una situazione […]

Ti sei mai chiesto quanto affidabili siano i dati che leggi in un account di Google Analytics piuttosto che su una piattaforma di advertising come Facebook? Ti fidi al 100% delle sessioni, dei clic o dei tassi di conversione riportati? Beh, pensare che i sistemi di web analytics siano impeccabili è utopistico, ma come si […]

[CRO]
[CRO]
[Servizi]
[Servizi]
[ADV]
[ADV]
[CRO]
[CRO]
[SEO]
[SEO]
[Analytics]
[Analytics]
[SERVIZI]
[SERVIZI]
[Analytics]
[Analytics]
[ADV]
[ADV]
[SEO]
[SEO]