Blog-  

Risultati sponsorizzati di Facebook: come utilizzarli

A fine agosto 2012 Facebook ha rilasciato un'ulteriore strumento per svolgere campagne di advertising all'interno della loro piattaforma: i risultati sponsorizzati, ripresi anche con la denominazione "sponsored results" e "result page ads" (qui un link alla documentazione ufficiale).

fbsponsored_800x530

Almeno in prima battuta la funzionalità è disponibile solo attraverso le API oppure mediante "Power Editor", uno strumento che, per comodità, compariamo ad "AdWords Editor" per le campagne di keyword advertising con Google AdWords.

In termini di utilizzo, l'advertiser potrà "acquistare" visibilità non per parole chiave bensì per oggetti, quindi pagine fan, applicazioni e luoghi; circa le modalità di spesa, saranno disponibili entrambi i modelli: un costo a click (CPC) oppure un budget per un numero definito di visualizzazioni (impression)(CPM).

Alcune interessanti idee di utilizzo sono state intercettate ad opera di chi sta già utilizzando questo strumento per le proprie campagne pubblicitarie:

  • intercettare il traffico verso i competitor (obiettivo: acquisizione di traffico generato da utenti in target)

Risultati sponsorizzati di Facebook #1

  • ottenere visibilità quando l'utente sta ricercando pagine o applicazioni correlate (obiettivo: farsi conoscere da utenti in target)

Risultati sponsorizzati di Facebook #2

  • ottenere visualizzazioni su ricerche che hanno a che fare con brand molto popolari e quindi soggetti ad abbondanti volumi di traffico (obiettivo: aumentare l'esposizione del brand)

Risultati sponsorizzati di Facebook #3

  • proteggere la propria visibilità in relazione a ricerche che fanno riferimento al proprio brand (obiettivo: brand protection)

Risultati sponsorizzati di Facebook #4

Avete altre idee circa il come si potrebbe utilizzare questo nuovo strumento di advertising di Facebook?

(fonti di approfondimento: InsideFacebook.com, VentureBeat.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

I dati ufficiali di Google dicono che il 51% delle ricerche nel 2016 sono avvenute da mobile. Con l'esplosione degli smartphone, anche il nostro comportamento è cambiato considerevolmente. Sempre di più, quando ci rivolgiamo al nostro dispositivo mobile, lo facciamo per soddisfare un bisogno immediato (qui, ora, adesso), che Google definisce come un micro-momento. Nello […]

Di recente, ho avuto l'occasione di incontrare un nuovo cliente che mi ha fatto percepire - per sua stessa ammissione - titubanza nei confronti di una nuova partnership: aveva avuto un'esperienza precedente poco felice. Ti suona familiare questa storia? Di certo non sei né la prima né l'ultima persona che si troverà in una situazione […]

Ti sei mai chiesto quanto affidabili siano i dati che leggi in un account di Google Analytics piuttosto che su una piattaforma di advertising come Facebook? Ti fidi al 100% delle sessioni, dei clic o dei tassi di conversione riportati? Beh, pensare che i sistemi di web analytics siano impeccabili è utopistico, ma come si […]

[CRO]
[CRO]
[Servizi]
[Servizi]
[ADV]
[ADV]
[CRO]
[CRO]
[SEO]
[SEO]
[Analytics]
[Analytics]
[SERVIZI]
[SERVIZI]
[Analytics]
[Analytics]
[ADV]
[ADV]
[SEO]
[SEO]