Blog

Il tuo sito mobile non è mobile-friendly? Attento al robots.txt!

Mobile e SEO si incontrano

Manca circa un mese all'aggiornamento dell'algoritmo di Google, annunciato qualche settimana fa, che determinerà una prima vera selezione tra i siti web che compariranno tra i risultati di ricerca nei dispositivi mobile (smartphone e tablet).
Qualora non ne foste già al corrente, come spiegato nella comunicazione pubblicata nel blog ufficiale, dal 21 Aprile 2015 una pagina mobile-friendly avrà un vantaggio in termini di posizionamento rispetto alle risorse non compatibili per la navigazione da dispositivi mobili.

Come potete immaginare si tratta di un grande cambiamento vissuto da noi addetti al settore con molta attesa perché impatterà fin da subito su tutte le query di ricerca da mobile a livello globale, andando a premiare chi si è già dotato di un sito web mobile-friendly ed a "penalizzare" i player che invece non si sono mossi in tempo.

Una dinamica che vorrei condividere con voi riguarda il fatto che pur avendo fatto "le cose per bene”, ovvero aver previsto una versione mobile del proprio sito, Google potrebbe non riconoscerlo come tale e quindi non assegnargli l'etichetta "mobile-friendly" nelle SERP di ricerca da dispositivi mobili. Perché vi chiederete? Potrebbe essere che il file robots.txt sia mal configurato!

Aggiornare le pratiche SEO

Era infatti una vecchia best practice SEO quella di escludere dal file robots.txt tutte le risorse non strategiche per l'indicizzazione e la visibilità sui motori di ricerca, tra cui javascript (.js) e fogli di stile (.css).
Ad esempio, per il noto e diffuso CMS WordPress potete trovare ancora un sacco di guide (come questa) in cui si consiglia di limitare da robots.txt alcune directory native del CMS stesso (come ad esempio /wp-content/themes) in cui sono presenti i file legati al tema grafico.

Sito mobile friendly? Occhio a non rovinare tutto con robots.txt!

Sottolineo il fatto che si tratta di una “vecchia” best practice in quanto lo stesso Google ad ottobre dello scorso anno ha avvisato i webmaster di non bloccare le risorse javascript (.js) e fogli di stile (.css). Perché? Ma ovvio: perché potrebbero essere gli stessi file che rendono un sito responsive e quindi mobile-friendly! :)

La conseguenza per chi continua a farlo, come anticipato prima, è quindi che per Google la risorsa “non è ottimizzata per i dispositivi mobili”.

Il sito è davvero responsive? Come verificarlo

Come verificarlo o accorgersene? Tramite Google Webmaster Tool.
Qua sotto vi riporto lo screenshot del risultato dell' analisi di una pagina web con lo strumento messo a disposizione da Google per i test di compatibilità da mobile in cui il robots.txt blocca questo tipo di risorse.

Schermata 2015-03-20 alle 09.46.05

Una volta modificato il robots.txt e resi accessibili allo spider del motore i file .css e .js, tempo qualche giorno e nel risultato di ricerca compare la dicitura “mobile-friendly” (qua sotto gli screenshot degli snippet di ricerca di un nostro progetto fatti un po' di tempo fa, prima e dopo la modifica).

Schermata 2015-03-20 alle 10.00.36

In conclusione, se avete già una versione mobile del vostro sito ma non vedete ancora l'etichetta mobile-friendly oppure se avete in cantiere la versione responsive fate attenzione al file robots.txt perché le vecchie regole non valgono più.

Dopodiché, non ci resta che attendere il 21 aprile e vedere cosa succederà! :)

E voi, avete controllato il vostro robots.txt?

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti possono interessare anche

Hai mai sentito parlare di contenuti duplicati o di un presunto tema di penalizzazione derivante dalla loro presenza? Internet è ricco di articoli e discussioni su questo tema, ma le argomentazioni e le conclusioni sono spesso diverse, contrastanti e poco chiare. In questo articolo vorrei cercare di fare chiarezza e spiegarti come, con alcuni accorgimenti, […]

Può succedere, magari quando rifai il tuo sito web, che tu decida di trasferirlo su un nuovo dominio o anche semplicemente - all'interno dello stesso dominio - di modificarne radicalmente l'architettura informativa. In questi casi la prima domanda che dovresti porti è se gli URL delle pagine subiranno delle modifiche. Perché se è così e la […]

Spesso in MOCA ci capitano progetti web, in particolare e-commerce, che hanno un catalogo prodotti molto ampio ed un elenco di categorie altrettanto numeroso. In questi casi diventa difficile concentrare tutte le risorse in egual misura su ogni singola pagina facente parte dell'alberatura del sito, per motivi di budget, di tempo o di dispersione eccessiva […]

Cominciamo a lavorare al tuo progetto iniziando con un caffè.

Conosciamoci!
Raccontaci la tua storia, parlaci dei tuoi obiettivi e capiamo assieme come possiamo aiutarti.


 Ho letto l'informativa sulla privacy e mi va bene
Se invece vuoi inviarci il tuo CV, scrivi a
[email protected]