BLOG

Coupon Ads: 5 modi per farli fruttare

Google invia periodicamente dei coupon Ads ad agenzie, aziende e utenti. Tali coupon sono utilizzabili unicamente da nuovi clienti Ads ed hanno solitamente un valore (spendibile in clic) che va dai 50€ agli 80€ (se ne avete ricevuto uno, qui trovate i termini di utilizzo).

Fatta eccezione forse per rari casi di mercati caratterizzati da costi per clic molto bassi, questi coupon sono in genere insufficienti per poter davvero valutare la bontà dello strumento.

Essi si prestano però ad altri interessanti utilizzi. Ecco qualche spunto:

  1. analisi keyword di long tail: per mezzo di Ads è possibile ottenere un elenco di parole chiave di “long tail” connesse a keyword più rilevanti (che avremo impostato a corrispondenza generica o frase nella campagna). Queste informazioni possono rivelarsi preziose sia per l’ottimizzazione del sito, sia per la scelta di argomenti per nuovi contenuti;
  2. analisi dei competitor presenti in un nuovo mercato (o almeno quelli che hanno delle campagne attive su Google Ads). Grazie al nuovo strumento “rapporto informativo sulle aste” è possibile infatti, per ciascuna parola chiave, conoscere quali altri inserzionisti avevano delle campagne sovrapposte alla nostra;Adwords: rapporto informativo sulle aste
  3. sondare la rete di contenuti Ads alla ricerca di possibili partnership con blogger di settore;
  4. convogliare traffico verso una nuova landing page non indicizzata per testarne l’efficacia, sulla base del comportamento degli utenti. Benché non si possa condurre in questo modo un vero test di usabilità, si possono comunque ricavare dei dati molto interessanti, come il tempo di permanenza sulla pagina, la frequenza di rimbalzo, dove l’utente ha cliccato una volta entrato nella pagina, ecc. Naturalmente dovrà essere tracciato tutto ciò che è tracciabile, per poter avere dati utili.
  5. creare una campagna da destinare unicamente ai dispositivi mobili per valutare l’opportunità (sulla base delle impression generate) di investire nella realizzazione di una versione del sito mobile-friendly o modificare l’attuale layout per migliorarne la fruizione da mobile. Il dato interessante in questo caso sono le impressioni, quindi i CPC possono essere mantenuti bassi, a livello sufficiente affinché l’annuncio appaia nella prima pagina dei risultati di ricerca.

Qualche altra idea sui possibili utilizzi dei coupon Ads? Scrivetela qui sotto ;)

Vuoi che i prossimi articoli
te li spediamo via email?

  • contenuti esclusivi che non pubblichiamo altrove
  • cadenza irregolare: selezioniamo i contenuti più utili
  • 3.040 iscritti

Se ti è piaciuto questo articolo...

regalaci un momento di gloria e condividilo
nei tuoi profili social

Commenti

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *