BLOG

Google Ads per scoprire come navigano gli utenti di un sito

La prima cosa che di solito salta alla mente quando si pensa a una campagna Google Ads è quella di portare più visitatori verso il proprio sito con l’obiettivo (primario o secondario) di aumentare le conversioni*.

Tuttavia questo non è l’unico modo per sfruttare le potenzialità di una campagna Google Ads. Infatti quest’ultima ci può tornare molto utile anche per svolgere dei test di usabilità sul nostro sito. L’usabilità di un sito misura la facilità con la quale gli utenti riescono a trovare le informazioni che cercano.

Eccome perché una campagna Google Ads ci può aiutare a raggiungere tale obiettivo:

  • volume, una campagna Google Ads genera una massa critica di visitatori statisticamente rilevante ai fini di un’analisi di usabilità;
  • pubblico, si può scegliere di portare al proprio sito la tipologia di utenti che maggiormente rispecchia il proprio audiance di riferimento, ovvero i clienti o potenziali clienti;
  • novità, i visitatori che accedono al sito dalla campagna Google Ads lo fanno con buona probabilità per la prima volta. Non hanno mai navigato il sito, quindi la loro “opinione” è super partes;
  • tempo, è possibile pianificare di raccogliere i dati sui visitatori in un lasso di tempo prestabilito.

Una volta che è stata raccolta la massa critica di visitatori, non resta altro che accedere alle statistiche e capire come questi ultimi si sono comportati all’interno del sito.

Analizzando i dati di traffico raccolti possono emergere aspetti interessanti o curiosi che noi stessi non avevamo valutato o considerato. Ad esempio la struttura della homepage che manda in confusione il visitatore, oppure la poca usabilità del form di contatto. Ne derivano poi osservazioni e ragionamenti su come migliorare l’architettura del sito e l’organizzazione dei contenuti nelle pagine. Tutto questo a beneficio degli utenti finali e di conseguenza delle prestazioni del nostro sito.

L’elemento più importante è che tutte le osservazioni emerse in questo frangente sono supportate dalla forza dei dati statistici. E’ un po’ come se aveste intervistato uno ad uno i vostri potenziali clienti, chiedendogli cosa va e cosa non va nel vostro sito.

Pensate ancora che una campagna Google Ads serva solo a generare più visite?

*conversioni: si tratta di una qualsiasi azione svolta da un utente, come l’invio di una richiesta di contatto, il download di un catalogo o l’acquisto di un prodotto.

Vuoi avere via mail
anche i prossimi articoli?

  • contenuti pensati solo per la newsletter (oltre agli articoli del blog)
  • cadenza irregolare: quando c'è qualcosa da dire
  • 2.967 iscritti (no, non è dinamico: lo aggiorniamo quando ce ne ricordiamo)

Se ti è piaciuto questo articolo...

regalaci un momento di gloria e condividilo
nei tuoi profili social

Commenti

  1. Io ho sempre pensato che le campagne di PPC (Adwords o altro che fossero) potessero essere ben più che un modo per procacciarsi genericamente traffico.

    Ad esempio, per il corso per chef che stiamo organizzando per il 2013 (sì, 2013, non 2012) abbiamo appena concluso una campagna di studio per verificare cosa cercano le persone interessate a questo tipo di corso (che va distinto da un corso per cuochi).

    Tra qualche mese, con un secondo budget, avvieremo una seconda campagna per approfondire i risultati della prima ed investigare ulteriormente.
    Non sono budget milionari, ma nonostante ciò ci hanno consentito di avere informazioni preziosi, che in parte hanno confermato quanto ipotizzavamo, in parte hanno modificato la nostra idea.

    Consigliamo a tutti, nell’ambito dei propri business plan di fare uno studio simile, perché spesso a basso costo si hanno parecchie informazioni ed idee.

  2. Proprio grazie agli insegnamenti di Fradefra, in uno dei suoi corsi, ho imparato e verifico da allora sempre di più che una campagna Adwords è molto più che pubblicità e lead generation, ma ancora prima un ottimo mezzo di analisi della domanda di ricerca, dell’utente, ecc. Prima di volere clienti bisognerebbe sempre capire chi sono i potenziali cliente, che cosa vogliono e che cosa fanno.

    • Ciao Giulio,

      grazie per il commento, mi trovi in totale accordo con il tuo punto di vista.
      Ritengo inoltre sia importante per un consulente trasferire questi concetti ai propri clienti, soprattutto quando vogliono impostare una strategia di visibilità sia nei motori di ricerca sia nel web in generale. Grazie ad una campagna Adwords possono dipanarsi molti dubbi e si può trovare il modo migliore di raggiungere il proprio target e potenziali clienti.

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *