BLOG

Local SEO: cos’è e come funziona?

La Local Search permette a chi ha un esercizio locale o con una presenza fisica sul territorio, di essere trovato dalle persone che fanno ricerche con locuzioni geografiche. Chi cerca, ad esempio, un negozio di golf sul Lago di Garda, visualizzerà elencati i risultati delle attività che soddisfano la richiesta e che si trovano a minor distanza da dove tale richiesta è stata fatta.

Risulta quindi essere uno strumento molto importante che attrae clienti interessati nei propri paraggi.

La Local SEO, invece, è la pratica di ottimizzazione della presenza online di un’azienda locale (o di un punto vendita) per parole chiave basate sulla sua posizione, come ad esempio, “negozi golf Garda”; l’ottimizzazione include sia quella del sito web dell’azienda che del suo profilo Google My Business.

Perché è importante la Local SEO (p1)?

La Local SEO, con il passare del tempo, sta assumendo sempre più rilievo; si pensi che, nel 2019 (fonte HubSpot):

  • il 46% di tutte le ricerche su Google ha “intenti locali”
  • le ricerche “vicino a me” sono cresciute del 150% più velocemente rispetto alle ricerche tradizionali locali
  • il 29% di tutte le SERP di Google contiene un pacchetto local nei risultati
  • l’88% dei consumatori che cerca qualcosa di locale sul proprio telefono visita il negozio il giorno stesso

Risulta piuttosto chiaro che le ricerche locali costituiscano un’enorme opportunità del mondo SEO. E se riesci a mettere la tua attività locale davanti agli altri per queste ricerche, ci sono buone probabilità di veder attraversare la tua porta di ingresso da nuovi clienti.

Come funziona la Local SEO?

La ricerca per la SEO locale funziona alla stregua della SEO normale quindi, quando qualcuno effettua una ricerca, Google esegue la scansione del suo indice per fornire i migliori risultati per la ricerca di quella persona. Ciò che rende unica la SEO locale è il fatto che Google utilizzi un diverso insieme di fattori di classificazione per ordinare i risultati locali tra cui:

A loro volta, questi segnali locali possono essere suddivisi in due gruppi:

  1. Segnali locali comuni
    • GMB
    • Citazioni
    • Recensioni
    • Coinvolgimento utenti
  2. Segnali SEO tradizionali
    • Fattori on page
    • Back link

Tra gli obiettivi della Local SEO possiamo evidenziare

  • raggiungere il miglior posizionamento nel local pack (composto dai tre risultati che appaiono quando fai una ricerca in Google per qualsiasi attività che opera in una certa area)
  • ricevere più interazioni (ad esempio telefonate, ma vedremo le varie tipologie tra poco)
  • ricevere il maggior numero di recensioni (positive, ovviamente)

A mio avviso il punto che ha maggior bisogno di essere preso in considerazione è il secondo: la Local SEO deve essere vista come l’attività che porta al miglioramento delle interazioni da risultati di mappe organiche a intenti di ricerca locali.

Tra i criteri utilizzati dal motore di ricerca per scegliere quali schede proporre tra i risultati e Google Maps (local pack) sono invece da tenere in considerazione:

  • distanza: Google, dopo aver capito da dove proviene la ricerca mostra i risultati più vicini alla persona in quel momento
  • pertinenza: vengono presentati solo i risultati in linea con la richiesta
  • evidenza: le attività vengono presentate dopo averne valutato notorietà e autorevolezza, in base a numero e qualità delle recensioni

Cosa viene contato come interazione?

All’interno di una scheda Google My Business sono disponibili varie opportunità di interazione come ad esempio il contatto telefonico, la visita al sito web, le recensioni:

In base alla tipologia di business puoi proporre ai tuoi potenziali clienti ulteriori azioni, come ad esempio prenotare un tavolo al ristorante oppure una camera d’hotel.

Al fine di ottenere queste interazioni, dobbiamo posizionare la nostra scheda proprio entro le prime tre posizioni del local pack:

Ricerca di parole chiave SEO locali

La ricerca di parole chiave SEO locali è un processo che, rispetto alla ricerca per la SEO classica, viene fatto con intensità e frequenza ridotte. Ciò non significa che le parole chiave non siano importanti per le ricerche locali; lo sono sicuramente ma, nella maggior parte dei casi, tutto ciò che serve per iniziare è un breve elenco di termini che le persone usano per trovare la tua attività locale.

Intenti di ricerca

Quando si praticano attività SEO è importante porre attenzione all’associazione tra intenti di ricerca e SERP: possiamo infatti imparare molto relativamente agli intenti di ricerca solo osservando cosa ci appare in SERP.

Facciamo quindi degli esempi per spiegare meglio il concetto.

Giocare a golf

Set ferri golf

Negozi golf

Da quanto mostrato sopra, quindi, possiamo notare 3 tipologie di ricerche molto diverse tra di loro; possiamo inoltre affermare che ognuna di queste è rappresentativa di varie tipologie di intenti di ricerca e, nello specifico, facciamo riferimento alle tipologie informazionali, transazionali e navigazionali.

Informazionale (giocare a golf)

Cosa ci viene mostrato in SERP? Ci vengono presentati dei video in cui viene spiegato come si gioca a golf e, a seguire, possiamo trovare risultati di tipo PAA (People Also Ask) oppure risultati di ricerca che rispondono all’intento “voglio capire”. Non vogliamo né acquistare né navigare, vogliamo solo capire qualcosa relativamente ad un argomento.

Transazionale (set ferri golf)

Per questa tipologia di intento di ricerca, invece, ci vengono presentati risultati di Google Shopping e tipologie di siti come Decathlon, Amazon, Ebay…

Navigazionale (negozi golf)

In base alla nostra specifica posizione ci vengono mostrati i negozi di golf che rispondono ai nostri criteri e si trovano nelle vicinanze; questi risultati navigazionali sono quelli che vanno a generare il local pack di Google. In poche parole, ogni qualvolta vediamo una mappa significa che l’intento di ricerca è navigazionale.

Intenti di ricerca e funnel di conversione

C’è un forte legame tra gli intenti di ricerca e il funnel di conversione; siccome solitamente identifichiamo la tipologia di intento di ricerca in base a quello che ci viene mostrato in SERP, possiamo anche effettuare un semplice collegamento con i vari step del funnel stesso.

Perché è importante questa associazione? Circa l’89% degli acquisti inizia con una query di ricerca; ciò significa che le persone stanno ricercando diversi prodotti prima di avere un’interazione vera e propria con il marchio. Possono esserci diverse domande riguardo a quale tipologia di soluzione la persona necessiti e, ognuna di queste tipologie, può essere mappata nel funnel di conversione.

Parlando quindi di intenti di ricerca, potrai capire che la tua scheda dovrà comparire nella parte bassa del funnel, nel caso in cui un utente cerchi il nome del tuo brand o qualcosa che soddisfi le sue esigenze nei paraggi. Chi utilizza intenti di ricerca transazionali o navigazionali, con ricerche del tipo “qui e ora”, ha un “incombente desiderio di convertire”. E tu dovrai essere presente.

Perché è importante la Local SEO (p2)?

Tutte le considerazioni che hai letto finora dovrebbero averti messo una pulce nell’orecchio e averti fatto capire che, se vuoi cercare di convertire in tempi ragionevolmente brevi (e se vuoi convertire devi per forza trovarti nella parte bassa del funnel), potresti trarre un grande vantaggio dalla Local Search, solo se avrai fatto un buon lavoro di Local SEO.

Ma per fare un buon lavoro di Local SEO, come minimo, dovrai registrare la scheda (o le schede, nel caso tu abbia più più store/strutture) in Google My Business.

Ottimizzazione della scheda Google My Business

Per poter aprire una scheda Google My Business, la tua attività deve garantire due cose:

  1. avere un indirizzo fisico
  2. avere la possibilità di interagire faccia a faccia con i propri clienti

Ottimizzare la scheda GMB consiste in una serie di attività che, se non eseguite correttamente, potrebbero limitare il successo delle tua attività locale (in termini di posizionamento SEO). Non dimenticarti di inserire, oltre al nome dell’azienda, la categoria principale ed eventuali secondarie, il tuo indirizzo fisico e il numero di telefono. Altrettanto importanti, sia per l’esperienza delle persone che per l’algoritmo del motore di ricerca, sono gli orari di apertura/chiusura e i giorni “speciali” (Pasqua, Natale, Capodanno…).

Sito web, immagini, servizi offerti e una breve descrizione della tua attività, se desideri anche comprensiva di inserendo in maniera del tutto naturale qualche parola, influiscono sulla buona ottimizzazione della scheda; tutte le cose da non inserire nella descrizione, invece, le trovi qui.

Ultimo, ma non per importanza, è il consiglio di utilizzare la funzione “post” delle schede Google My Business al fine di mettere in evidenza e pubblicare eventi, offerte, prodotti e servizi che verranno visualizzati subito su ricerca Google e Maps in relazione alla scheda local della tua attività.

Ma ricorda, durano solo sette giorni!

Al fine quindi di migliorare la visibilità della propria attività a seguito di una ricerca locale sarà necessario ottenere sempre nuove recensioni in quanto rappresentano uno dei fattori di posizionamento principali della Local SEO. Oltre a queste attenzioni relative alla scheda ci sono molte altre attività da effettuare off-site (link building, utilizzo di dati strutturati…) che risulteranno utili al fine del posizionamento.

Il corretto utilizzo di questo strumento ti permette quindi di potenziare la tua attività e di farti conoscere.

Quando hai aperto la tua scheda Google My Business, hai compilato con cura tutti i campi? Ti stai preoccupando di modificare gli orari di apertura, rispondere alle domande dei clienti e alle loro recensioni? Hai mai pensato a quanto una cattiva gestione della tua scheda Google My Business possa influenzare il suo posizionamento nel motore di ricerca?

Ma soprattutto, sei consapevole del fatto che, se Google segnala la tua scheda come “chiusa” (definitivamente o temporaneamente), questa tenderà a perdere il posizionamento della parola chiave e potrà quindi essere trovata solo se ricercata con il nome preciso?

Insomma, stai cogliendo tutte le opportunità offerte dalla Local Search? Raccontaci la tua esperienza nei commenti!

Vuoi avere via mail
anche i prossimi articoli?

  • contenuti pensati solo per la newsletter (oltre agli articoli del blog)
  • cadenza irregolare: quando c'è qualcosa da dire
  • 2.967 iscritti (no, non è dinamico: lo aggiorniamo quando ce ne ricordiamo)

Se ti è piaciuto questo articolo...

regalaci un momento di gloria e condividilo
nei tuoi profili social

Commenti

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *