Ricevi anche tu le nostre newsletter. Sì, al plurale.

Semplice e veloce. Ci basta solo la tua mail

Allora, la prima cosa che ti diciamo è grazie.
Anche qualora non dovessi proseguire, te lo diciamo comunque: un “grazie” in più non ha mai fatto male a nessuno. :)

Ora, perché ti dovresti iscrivere?
Bella domanda!

Sia chiaro, per noi la risposta è cristallina: vogliamo farci conoscere per aumentare relazioni, passaparola e fatturato.
E lo vogliamo fare anche tramite la newsletter perché – dicono ma ci crediamo tanto anche noi – è proprio una bella newsletter (pensa che siamo finiti su libri, slide e lezioni di email marketing).

Questi però sono i “perché” a cui rispondiamo noi.
I “perché” pensati per te, invece, sono questi:

  • puoi strappare inviti e sconti e risparmiare qualche soldino (che schifo non fa)
  • puoi leggere i nostri punti di vista sui nostri argomenti che partono sempre – è una linea guida: “Document, don’t create” #cit – da esperienze vissute; quindi è difficile che scriviamo l’articolo intitolato “Gli X segreti per diventare primo alla faccia di Google”
  • puoi vedere – indirettamente – applicati dei bei concetti di cultura del lavoro: siccome abbiamo una visione (e ce l’abbiamo forte!), proviamo a scaricare a terra le cose: inclusivismo, psychological safety, etica (by default e by design), la persona – e la sua vita! – al centro (anche delle 8 ore lavorative), remote working. Non siamo gli unici – per fortuna – non siamo i più belli – parliamone :) – ma queste cose le facciamo succedere e le raccontiamo anche via newsletter
  • ti diamo anche un regalo (continua a leggere)

Altri “perché” che non ci sono venuti in mente, li abbiamo chiesti direttamente a chi già iscritto.
Li incolliamo qui sotto man mano che li raccogliamo.

Hai presente l’innamoramento?
Inizialmente è un fattore di attrazione estetica.
I colori pastello intendo e non ti scontri con un muro di testo asettico, ma con piccoli capitoli che ti fanno respirare e poi, vuoi mettere il rosso e verde – fermati prendi respiro e riparti (chi se ne frega se non c’è l’arancione).
Inoltre non c’è solo digital marketing e mai con supponenza, ma persone che parlano, che raccontano e si raccontano, di come poter lavorare tra persone e con persone, con competenza e cuore.
Ecco ciò che leggo, vedo e penso.

Davide Sabadin, Senior Account Executive di Italiaonline

Perché è divertente, vivace, ben scritta (la lingua italiana ringrazia). Perché è utile, succulenta e generosa. Perché mi fa sentire come se fossi lì con voi (e ci si sta proprio bene).

Eva Martini, coach, formatrice e consulente nelle risorse umane

Leggo le vostre newsletter perché un altro mondo è possibile!

Un mondo dove si lavora con piacere, professionalità e consapevolezza, attenti agli altri esseri umani, al fatto che siano esseri umani. E di questo mondo in costruzione sapete parlare in modo arguto e divertente. Siccome anche io, nel mio piccolo da free lance faccio lo stesso, leggo la vostra newsletter per ispirarmi, a volte rincuorarmi e per fare, in fondo, networking di idee a distanza. Approfitto per dirvi grazie, grazie, grazie.

Roberta Osso, copywriter free lance

Aggiungiamo una caratteristica della nostra newsletter: siccome lo consideriamo come un ambiente più intimo molte delle cose che abbiamo da dire troveranno posto solo ed esclusivamente qui (alla faccia dei social!). [no, non è per fare i fighi, per davvero pubblichiamo più cose via newsletter che non via Instagram]

Poi, nel rispetto del tuo tempo e della tua casella di posta elettronica, settiamo dal principio le aspettative e ti anticipiamo che abbiamo due newsletter: quella mensile e quella automatica legata al blog (e ti stai per iscrivere ad entrambe).
Inoltre:

  • si tratta di email lunghe, tanto lunghe. No, aspetta, fidati non lo puoi immaginare: tanto lunghe (qualcuno si è pure disiscritto lamentandosi dell’eccessiva lunghezza)
  • la frequenza facciamo fatica a indicarla: la newsletter a tutta la lista la mandiamo circa 3-4 volte all’anno (dal 2020) con frequenza mensile (sì, ce la stiamo facendo) ma poi creiamo dei sotto-gruppi di iscritti per inviare “cose” interessanti – speriamo – con una frequenza maggiore (mai superiore alla mensile comunque); e poi la newsletter con gli ultimi articoli del nostro blog  ha una cadenza mensile (ma puoi passare alla settimanale) e comunque ciò che fa “scatenare” la newsletter è se nel dato periodo noi, effettivamente, abbiamo pubblicato “roba”
  • e cosa c’è nella newsletter quella non legata al blog? Di solito ci mettiamo dentro:
    • i nostri prossimi passi, proprio come azienda
    • ti chiederemo a volte un punto di vista (e ci salveremo l’informazione)
    • anticiperemo gli eventi ai quali prenderemo parte (sia come spettatori che relatori)
    • ti inviteremo a eventi (gratuiti) che organizziamo noi (come la “#colazionedamoca”)
    • regaleremo dei coupon (a chi se lo merita! :P)
    • proveremo a raccontare i nostri valori
  • il live newslettering (termine che, tra l’altro, forse abbiamo pure coniato :P): una sorta di newsletter live al termine di ogni giornata degli eventi all’estero ai quali prendiamo parte (per darti un’idea nel 2015 siamo stati a Las Vegas, nel 2016 a Londra, Austin (Texas), Praga e Philadelphia, nel 2017 a Toronto, Vancouver, Los Angeles, Boston) questo non lo facciamo più anche se ancora crediamo che sia una cosa fichissima ma, energie troppe, feedback positivi troppo pochi

Ecco :)

Per facilitare la scelta, abbiamo pensato di incollare qua sotto alcune delle newsletter – di quelle inviate a tutta la lista – tra quelle che hanno raccolto più feedback positivi:

Ecco, ora speriamo di incontrarti per un caffè, anzi, per un cappuccino ed una brioches perché se ti iscrivi, il primo regalo è proprio quello (provare per credere). :)

Quali altre cose ci sono dentro

Le nostre materie

Digital adv, CRO, SEO, web analytics, email marketing automation

Viaggi

Anche se forse conviene seguirci su Instagram: @mocainteractive

Sostenibilità

Umana e sociale prima ancora che ambientale. Dobbiamo contaminarci tutti quanti. Tutti

Psychological safety

E di come ci stiamo provando qui dentro copiando bellamente

#cuoremoca

Vogliamo bene a un sacco di gente. Anche a quelli fuori da questo ufficio

Il link che non c’entra nulla

Il nostro fatturato sì, ma noi non viviamo di solo digital

I commenti di alcuni nostri lettori

“Quella di MOCA, a mio avviso, è la miglior newsletter di agenzia che si possa progettare. Con l’ultima mail inviata mi sono definitivamente innamorato di loro. Da oggi fan accanito (complimenti per il copy).”

Mattia Marasco Freelance Digital Consultant 1 Caffè Onlus

“Le newsletter raramente le leggo, ma quelle di MOCA, caspita mi trovo sempre a leggerle fino in fondo. E che conosco anche bene quello che fanno per cui non dovrei essere così curioso, ma lo stile è tutto. Tipo a metà mail ti dicono che hanno finito e ti è già venuta voglia di cliccare su tutti i link a slide, video, siti e invece poi dicono no e “improvvisano” un altro contenuto che tu lo sai che non lo “improvvisano”, ma te lo leggi tutto lo stesso e alla fine ecco che ti ammaliano con una o due domande, ti invitano a colazione, senti già il caffè fumante… Great!”

Stefano Schiavo Founder e CEO Sharazad